Gonoartrosi: sintomi, cure e terapie

0
1235
Gonoartrosi-sintomi-cure-e-terapie
Immagine - Fonte: iStock

La gonoartrosi, nome scientifico dell’artrosi del ginocchio, è il più comune disturbo che interessa questa articolazione. Questa malattia è tipica delle persone in età avanzata perché avviene quando si assottigliano le cartilagini che rivestono internamente il ginocchio, esponendo l’osso sottostante a sfregamento.

Cause e sintomi della gonoartrosi

Un’altra causa della gonoartrosi, oltre all’età avanzata, è l’obesità o il sovrappeso: il peso corporeo eccessivo, infatti, ricade tutto sull’articolazione del ginocchio, compromettendone la funzionalità. Eventuali infortuni precedenti al ginocchio o l’operazione di rimozione del menisco – tipici soprattutto di chi pratica alcuni tipi di sport, come calcio, rugby, basket, tennis o la corsa su superfici dissestate – possono essere causa di gonoartrosi.

Anche la predisposizione genetica all’osteoartrite può contribuire all’insorgere di questa malattia e, se si è donna, le possibilità che ciò avvenga sono significativamente più alte. Possiamo affermare che l’artrosi del ginocchio non ha mai una sola causa scatenante ma è sempre il risultato della combinazione di più fattori.

Essendo un’infiammazione cronica del ginocchio, la gonoartrosi si presenta con sintomi come gonfiore, rigidità articolare, spesso associata a scricchiolii delle ossa, dolore locale, arrossamenti della pelle in corrispondenza del ginocchio e difficoltà nella deambulazione.

Naturalmente, in presenza di uno o più sintomi appena descritti, bisogna rivolgersi al medico per avere una diagnosi più precisa.

La cura e le terapie per la gonoartrosi

Il medico, dopo un’accurata anamnesi, prescrive degli esami specifici, come una radiografia o una risonanza magnetica. Purtroppo, la gonoartrosi non ha una terapia definitiva, ma è possibile alleviarne i sintomi. In genere, è possibile intervenire con una terapia conservativa e con una chirurgica, quest’ultima da scegliere solo nei casi più gravi.

Innanzitutto, se il problema è causato da un peso corporeo eccessivo, la prima cosa da fare è seguire un’alimentazione bilanciata e controllata per dimagrire e evitare di affaticare ulteriormente l’articolazione. Per ridurre il dolore, l’uso di farmaci antidolorifici e antinfiammatori come paracetamolo, ibuprofene e naprossene sodico, può essere una soluzione che porta risultati soddisfacenti. In alcuni casi, il medico prescrive delle iniezioni di corticosteroidi o di acido ialuronico, ma solo nel caso in cui i farmaci non facciano effetto. Gli esercizi di fisioterapia possono essere utili per aumentare la mobilità del ginocchio e rinforzare i muscoli della coscia. Associati a una leggera attività fisica mirata, possono dare giovamento alle articolazioni e al benessere generale.

L’uso di un tutore specifico per gonoartrosi, scelto su indicazione del medico ortopedico, aiuta a riprendere gradualmente la vita quotidiana e allevia le difficoltà dovute alla malattia. Nel caso in cui la terapia conservativa non abbia i risultati sperati, è necessario ricorrere all’intervento chirurgico, che può essere di 3 tipi:

  • Pulizia delle cartilagini del ginocchio: effettuata in artroscopia, è l’operazione più blanda, di solito riservata ai più giovani, che hanno problemi più lievi
  • Osteotomia del femore o della tibia: viene effettuata in presenza di gonoartrosi di media intensità
  • Installazione di protesi al ginocchio: questo intervento è molto delicato e invasivo ma anche quello che presenta risultati più soddisfacenti. Alcune protesi durano anche 20 anni e vengono installate su pazienti in età avanzata.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here