Gravidanza e mal di schiena: come alleviarlo

0
594
Gravidanza e mal di schiena come alleviarlo
Immagine - Fonte: iStock

Aspettare un figlio è una delle gioie più grandi della vita ed è un’esperienza talmente unica e importante che si sopportano col sorriso sulle labbra tutti i disturbi legati alla gravidanza. Alcuni di questi disturbi, come ad esempio il mal di schiena, rendono l’attesa un po’ più complicata. Il mal di schiena colpisce soprattutto dopo il quarto-quinto mese di gravidanza, ma non sono rari i casi in cui si manifesta già dopo poche settimane. Vediamo come fare per alleviarlo e rendere più piacevole i mesi in cui si aspetta un figlio.

Perché in gravidanza compare il mal di schiena

La spiegazione del perché in gravidanza compaia il mal di schiena è piuttosto logica: si aumenta di peso, il baricentro si sposta in avanti e la colonna vertebrale si incurva. In realtà, sono tanti i fattori che favoriscono l’insorgere di questo fastidioso – e a volte molto doloroso – disturbo. Vediamo quali sono i più comuni.

L’aumento di peso è la principale causa del mal di schiena in gravidanza: già a partire dal quinto mese, il feto esercita una pressione verso il basso che costringe la futura mamma a cambiare postura. Abbiamo parlato di spostamento del baricentro: durante la gravidanza, con la variazione di peso, la colonna vertebrale subisce uno sbilanciamento. Dal sesto mese in poi, la donna tende a curvare la schiena per riuscire a mantenere l’equilibrio nella sua nuova condizione fisica.

Anche l’incremento di ormoni, soprattutto di relaxina, che impedisce il rilassamento della zona pelvica, contribuisce a caricare la schiena in maniera anomala rispetto al solito. Durante la gravidanza l’utero si ingrossa, premendo sul nervo sciatico, con conseguente accentuazione del mal di schiena.

Come prevenire o alleviare il mal di schiena in gravidanza

Anche se, a causa della particolare condizione fisica determinata dalla gravidanza, è quasi impossibile evitare la sofferenza del mal di schiena, tuttavia, con alcuni accorgimenti si può ridurre l’intensità del dolore. Cercare, innanzitutto, di non fare movimenti scorretti, tenendo, il più possibile, la schiena dritta. Non sollevare pesi, evitare di chinarsi di frequente, soprattutto durante le faccende domestiche.

Se si lavora in ufficio, usare una sedia con lo schienale alto e rigido, in modo da favorire la posizione eretta. È buona norma, soprattutto per chi svolge un lavoro sedentario, alzarsi di tanto in tanto per fare quattro passi e sgranchire le gambe. Ne favorisce la circolazione e il benessere generale. Va da sé che bisogna cercare di non aumentare troppo di peso, per non gravare in modo eccessivo sulla colonna vertebrale. Inoltre, calzare sempre scarpe comode, con un tacco largo e di altezza non superiore ai 4 cm. Durante il riposo, dormire sempre su un fianco, utilizzando un cuscino non troppo alto e un materasso della giusta consistenza. Seguire un corso di ginnastica posturale o fare degli esercizi mirati per rafforzare la schiena e l’addome, come il nuoto, lo yoga o lo stretching, contribuisce ad allontanare la possibilità di soffrire di mal di schiena.

Indossare una cintura specifica per correggere la postura in gravidanza è di grande aiuto, soprattutto quando il volume della pancia tende ad aumentare. Questo tipo di cintura può essere indossato dall’inizio alla fine della gravidanza, grazie alle fasce di sostegno regolabili. Alcune donne traggono molti benefici anche dall’agopuntura e dai trattamenti chiropratici. I massaggi, accompagnati da impacchi, caldi o freddi, possono alleviare il dolore di tutta la zona lombare. Seguendo questi accorgimenti, il mal di schiena diminuirà notevolmente, portando benefici a tutto il corpo. Nel caso in cui i dolori dovessero essere molto forti e persistenti, accompagnati anche da crampi, febbre, sanguinamenti vaginali o altro, è opportuno consultare il medico che valuterà il da farsi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here