Sindrome del tunnel carpale: cause, sintomi e cura

0
463
Sindrome del tunnel carpale cause, sintomi e cura
Immagine - Fonte: iStock

Disturbo molto comune, la sindrome del tunnel carpale è spesso il risultato di una serie di cause concomitanti. A esserne colpiti sono soprattutto le persone che lavorano molte ore al computer, chi suona il pianoforte o chi utilizza per lavoro alcune attrezzature vibranti, come il martello pneumatico o la motosega. Cerchiamo di scoprire cos’è la sindrome del tunnel carpale, perché e con quali sintomi si manifesta e quali sono le cure.

Le cause della sindrome del tunnel carpale

La sindrome del tunnel carpale avviene quando il nervo mediano, che va dall’avambraccio alla mano, viene sottoposto a pressione o schiacciamento all’altezza del polso. Il nervo mediano è quello che controlla i movimenti delle dita e del palmo della mano e, se viene compresso, rende complicate anche le operazioni più semplici.

Come abbiamo già detto prima, non esiste una sola causa per questa patologia ma, certamente, alcune categorie di persone sono più soggette ad esserne colpite rispetto ad altre. Dal punto di vista anagrafico, la sindrome del tunnel carpale riguarda soprattutto persone in età adulta, dai 45 ai 60 anni, specialmente donne. Tra le cause, troviamo anche il fattore anatomico: le persone con un tunnel carpale molto stretto hanno maggiori probabilità che questo si infiammi. Spesso, ci sono anche casi di ereditarietà, anche se non sono ancora molto chiari i motivi.

Alcune patologie come il diabete, la gotta, l’artrite reumatoide, l’obesità o l’insufficienza renale possono favorire la sindrome del tunnel carpale. Negli ultimi mesi di gravidanza, a causa della forte ritenzione idrica, le donne hanno più possibilità di soffrire di questa patologia, che però tende a scomparire spontaneamente dopo la nascita del bambino. Traumi o infortuni al polso e le azioni ripetute di chi fa determinati lavori sono altri fattori scatenanti della sindrome del tunnel carpale.

I sintomi della sindrome del tunnel carpale

Come fare per accorgersi che si è in presenza della sindrome del tunnel carpale? I primi sintomi, più evidenti, sono dolore, intorpidimento della mano e del polso e formicolio diffuso. Spesso, questi sintomi si accentuano durante la notte e si irradiano fino al braccio.

Da non sottovalutare anche una secchezza diffusa della pelle, il gonfiore alle dita, la difficoltà a muovere il pollice, l’indebolimento dei muscoli e la difficoltà a compiere anche movimenti semplici come scrivere al computer o impugnare la penna o le posate.

In presenza di questi sintomi, il medico analizza le abitudini dell’individuo e, nel caso di diagnosi incerta, prescrive degli esami specifici: elettromiografia, raggi X o anche solo gli esami del sangue, per verificare le cause alla base della sindrome.

Sindrome da tunnel carpale: cura e terapia

Per curare la sindrome da tunnel carpale si fa ricorso a una terapia conservativa o, nel caso di casi più gravi, a una terapia chirurgica. Spesso curare la malattia o il disturbo alla base della patologia risolve automaticamente il problema.

Il consiglio da dare è sicuramente quello di tenere il polso a riposo e applicare del ghiaccio, soprattutto in presenza di gonfiore. La terapia conservativa consiste nell’applicazione di un tutore specifico per il polso, da indossare soprattutto durante la notte, in cui non si riescono a controllare molto i movimenti. Il tutore va portato per alcune settimane, fino a quando i sintomi saranno spariti.

In associazione, possono essere assunti dei farmaci corticosteroidi, che sono dei potenti antinfiammatori, da somministrare per bocca o con un’iniezione locale. Tali farmaci devono essere presi sempre sotto prescrizione medica e non vanno assunti per un periodo eccessivamente lungo. In presenza di sintomi molto forti che si protraggono per oltre 6 mesi, sarà necessario intervenire con una terapia chirurgica. L’operazione viene fatta in ambulatorio, con anestesia locale, senza ricovero.

Dopo l’intervento, bisogna indossare un tutore e fare degli esercizi di riabilitazione, per recuperare la piena funzionalità del polso e della mano.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here